• Qui parliamo di

    Adriano Olivetti Alberico Gambino ANCI antipolitica Antonio Izzo appalti Berlusconi Bologna buona politica Canavese candidato casta Castelli Calepio centrodestra centrosinistra Clementina Belotti comuni Comunità Coral corruzione Dario Franceschini democrazia destra donne efficienza elezioni elezioni 2009 etica Fabrizio Bertot fannulloni Fausto Servadio Forza Italia il Riformista imprenditori Ivano Coral Ivrea Kennedy Lega Leinì LibMagazine marketing politico Montesarchio Napoli Obama Olbia osservatorio Pagani parlamento Partiti patto di stabilità PD PDL politica questione morale Remo Bassetti Renato Soru Rivarolo Canavese Roberto Basso Roberto Dipiazza Roma Sardegna Sergio Cofferati Silvio Berlusconi sindaci sindaci-imprenditori sinistra Sondalo Sud Trieste UDC Unione Europea Valentino Togni Velletri voto disgiunto Weber
  • BIBLIOGRAFIA

    aa.vv., Sussidiarietà e piccole medie imprese. Rapporto sulla sussidiarietà 2008, Mondadori, Milano 2009.

    aa.vv., Generare classe dirigente – Rapporto Luiss 2008, Il Sole 24 Ore, Milano 2008.

    abis mario, Potenzialità di un modello flessibile per promuovere l’attrattività di Milano, in Brand Milano, a cura di S. Rolando, Franco Angeli, Milano 2008.

    abis mario, Progetto Midland. Il sistema sociale come risorsa dello sviluppo di Milano, in Dedalo maggio/giugno 2008.

    abravanel roger, Meritocrazia, Garzanti, Milano 2008.

    anderson chris, La coda lunga, Codice, 2007.

    armario diego, Cretini al potere, Castelvecchi, Roma 2008.

    arminio franco, Vento forte tra Lacedonia e Candela. Esercizi di paesologia, Laterza, Bari 2008.

    bassetti remo, Contro il target, Bollati Boringhieri, Torino 2008.

    bauman zygmunt, Fiducia e paura nella città, Bruno Mondadori, Milano 2005.

    beck ulrich, I rischi della libertà. L’individuo nell’epoca della globalizzazione, il Mulino, Bologna 2000.

    bobbio norberto, Destra e sinistra: ragioni e significati di una distinzione politica, Donzelli, Roma 2004.

    buttaroni c. - terlizzi m., Nel labirinto elettorale, M&B Publishing, Milano 2008.

    cadeddu d. - sapelli g., Adriano Olivetti, lo spirito nell’impresa, Il Margine, Trento 2007.

    caprotti bernardo, Falce e carrello, Marsilio, Venezia 2007.

    carboni carlo, La società cinica, Laterza, Bari 2008.

    chiti-batelli andrea, Oltre il sistema rappresentativo?, Franco Angeli, Milano 2006.

    colarieti s. - guarino p., Introduzione al marketing politico, Luiss University Press, Roma 2005.

    de benedittis m. - magatti m., I nuovi ceti popolari, Feltrinelli, Milano 2006.

    fabris giampaolo, Societing. Il marketing nella società postmoderna, Egea, Milano 2008.

    ferrarotti franco, La società e l’utopia, Donzelli, Roma 2001a.

    ferrarotti franco, Un imprenditore di idee. Una testimonianza su Adriano Olivetti, Edizioni di Comunità, Torino 2001b.

    floris giovanni, Mal di merito: l’epidemia di raccomandazioni che paralizza l’Italia, Rizzoli, Milano 2007.

    friedman thomas l., Il mondo è piatto. Breve storia del ventunesimo secolo, Mondadori, Milano 2006.

    gallino luciano, L’impresa responsabile – Un’intervista su Adriano Olivetti (a cura di Paolo Ceri), Edizioni di Comunità, Torino 2001.

    gallino luciano, L’impresa irresponsabile, Einaudi, Torino 2005.

    itanes (aa.vv.), Sinistra e destra – Le radici psicologiche della differenza politica, il Mulino, Bologna 2006.

    itanes (aa.vv.), Il ritorno di Berlusconi, il Mulino, Bologna 2008.

    krugman paul, A Country Is Not a Company, Harvard Business Review, gennaio- febbraio 1996.

    maltese curzio, I padroni delle città, Feltrinelli, Milano 2007.

    mannheimer r. - natale p., Senza più sinistra, Il Sole 24 Ore, Milano 2008.

    maslow abraham h., Motivazione e personalità, Armando, Roma 1992.

    michels robert, La sociologia del partito politico nella democrazia moderna, il Mulino, Bologna 1966.

    michels robert, Potere e oligarchie – antologia 1900-1910, (a cura di Albertoni E. A.) Giuffrè editore, Milano 1989.

    musi aurelio, La stagione dei sindaci, Guida, Napoli 2004.

    ochetto valerio, Adriano Olivetti industriale e utopista, Cossavella, Ivrea 2000.

    olivetti adriano, Stato federale delle comunità, (a cura di Cadeddu D.) Franco Angeli, Milano 2004.

    olmo c. (a cura di), Costruire la città dell’uomo – Adriano Olivetti e l’urbanistica, Edizioni di Comunità, Torino 2001.

    rizzo s - stella g.a., La casta, Rizzoli, Milano 2007.

    rizzo s - stella g.a., La deriva, Rizzoli, Milano 2008.

    sciolla loredana, La sifda dei valori. Rispetto delle regole e rispetto dei diritti in Italia, il Mulino, Bologna 2004.

    sebastiani chiara, La politica delle città, il Mulino, Bologna 2007.

    shemin robert, Perché quel cretino è ricco e io no?, Rizzoli, Milano 2008.

    surowiecki james, The Wisdom of Crowds: Why the Many are Smarter Than the Few and how Collective Wisdom Shapes Business, Economies, Societies, and Nations, Doubleday, 2004.

    velardi claudio, L’anno che doveva cambiare l’Italia, Mondadori, Milano 2006.

    vitullo andrea, Leadership riflessive, Apogeo, Milano 2006.

    Weber max, La città, Donzelli, Roma 2003. Weber max, La politica come professione, Mondadori, Milano 2006.

    Westen drew, La mente politica, il Saggiatore, Milano 2008.

    Womack j.p. – jones d.t., Lean thinking. Come creare valore e bandire gli sprechi, Guerini e Associati, Milano 2000.

    Worldwatch institute (aa.vv.), State of the World 2007 – Il nostro futuro urbanizzato, Edizioni Ambiente, Milano 2007.

  • Annunci

Politica a progetto

LibMagazine è online, con una nuova rubrica sulla televisione, tra l’altro. Dalla rubrica “Sindaco SpA”, ancora qualche riflessione sul rapporto tra professionismo e servizio “a tempo determinato”.

Il professionismo condiziona l’agire dei politici. Coloro che vivono per la politica devono, quasi sempre, necessariamente vivere di politica. Ma non è necessario che la politica sia la scelta di una vita. Forse non è neanche bene che la politica sia la scelta di una vita.

Certamente la specializzazione ha un valore anche in questo campo, e l’esperienza politica può essere un valore. Ma come valutare l’ampiezza di esperienza di una persona che ha fatto della pratica politica la sua attività unica o prevalente? Una persona che non ha mai lavorato nell’industria o nei servizi (pubblici o privati), che non ha sperimentato il rapporto con un cliente, con un fornitore, che non ha conosciuto il respiro di ambienti internazionali, che ha viaggiato poco. Che non ha affrontato il disagio di cittadini spinti ai margini dall’indigenza o dalle droghe per aiutarli a trovare una via d’uscita. Che non ha assunto rischi, che non si è misurata in prima persona con i risultati oggettivi di un’attività sociale o economica. E che per tutti questi motivi non potrà che continuare a prestare servizio nella politica professionale, magari facendo quattro o cinque legislature in Parlamento, o passando attraverso molteplici consigli comunali, provinciali e regionali. Con scarse opportunità di contatto fuori, nel mondo esterno alla politica.

Non c’è piuttosto maggior valore in coloro che apportano alle istituzioni e alla politica un’esperienza di vita e professionale maturata nella carne viva della società? Persone capaci di dedicare una parte della propria vita, dieci – quindici anni, al servizio pubblico e civile presso le istituzioni, e poi – una volta esaurito il proprio contributo e la propria spinta – tornare all’occupazione precedente, o intraprenderne una nuova.

La specializzazione burocratica, quella che aiuta ad affrontare i vincoli normativi, ad utilizzare bene le risorse, a far evolvere i sistemi giuridici, dovrebbe essere affidata a tecnici formati per questo scopo, come accade in Francia, come suggerisce Roger Abravanel in Meritocrazia (Garzanti).

Meritocrazia, di Roger Abravanel, ed. Garzanti

Meritocrazia, di Roger Abravanel, ed. Garzanti

Possiamo ipotizzare che tra l’ambito politico e gli altri contesti socio-professionali si possano innescare scambi proficui di esperienza e di competenze se vengono abbattuti i compartimenti stagni, e le porte delle stanze della politica vengono aperte a persone capaci di entrarvi per un periodo determinato, con una idea da realizzare. Una politica a progetto, appunto.

Annunci

Una Risposta

  1. […] vogliono quelli che lavorano per vivere. Di coloro che vivono di politica abbiamo già parlato a febbraio di quest’anno e dicembre dell’anno […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: